Archivi categoria: Santo stefano favole

La natura vivente

mariachiara_prima_mediaIn un paese di nome Santo Stefano del Sole viveva una bambina di nome Francesca. Un giorno tornò da scuola triste per un brutto voto in matematica e non sapendo come fare a dirlo alla mamma dopo pranzo uscì di casa e si incamminò lungo un sentiero che portava sulla collina. Camminò per un bel po’ finché non arrivò ad un grande albero secolare, con un vecchio tronco, rami folti e ricco di foglie verdi, sotto il quale c’era una panchina e un bellissimo prato fiorito. Francesca si sedette sulla panchina e cominciò a piangere. Dopo un po’ prese il fazzoletto dalla tasca, si asciugò le lacrime e lo gettò a terra. Ad un certo punto sentì una vocina che diceva: “Ehi tu!”, ma Francesca non vedeva nessuno.

La maledizione buona

lucia_primaMolto tempo fa sulle colline di Santo Stefano del sole c’era moltissima immondizia.
Gli abitanti di questo bellissimo paese immerso nel verde si lamentavano molto a causa degli stranieri che gettavano i rifiuti, ma non furono ascoltati.
Così facendo, purtroppo, le colline puzzavano, gli alberi erano inquinati e i fiori non crescevano più.
Il Sindaco, ormai furibondo per questa situazione, si diresse a Benevento, dalle streghe, per farle intervenire.  continua…

Rovania e l’immaginazione!


Agli inizi del 2000 in un paese chiamato Rovania posto sotto la M di mar Mediterraneo ci fu un grave problema di inquinamento. Questo paese era così inquinato che gli alberi fecero le valige e se ne andarono. Il cielo era grigio e il paesaggio era spoglio e senza nessun colore. In questo paese c’era uno scienziato chiamato “David Einstein” che voleva fare qualcosa per salvare il territorio dall’inquinamento.
Volle vedere gli alberi, ma ne vide uno in particolare, che era quello che vagabondava da più tempo, ed era il più triste, non solo per questo, ma anche perché aveva perso la sua famiglia a causa dell’inquinamento. continua…

Mago Salvatore e Fata Flora

18
C’era una volta un grandissimo bosco frequentato da moltissime persone e che attraeva visitatori da tutto il mondo. Col passare degli anni, le persone iniziarono a trascurare il bosco riempiendolo di rifiuti che fecero scomparire flora e fauna. Il comune chiamò in soccorso del bosco il Mago Salvatore (il salvatore dell’ambiente) che, però, non poté fare nulla perché, per colpa delle persone egoiste, il bosco sembrava morire ogni giorno di più.
continua…

Nerone e l’albero


“Un giorno un uccello di nome Nerone andò in montagna e trovò un bellissimo posto con un bellissimo albero e decise di fermarsi per un picnic. Visto che l’uccello era brutto, pensò di buttare lattine di alluminio, bottiglie di plastica e vetro, bicchieri di plastica, forchette, piatti di plastica e molto altro ancora.
Come se non bastasse tutto ciò, accese un fuoco vicino all’albero per riscaldarsi un po’.
L’albero iniziò a tossire e tossire sempre di più, continua…

Il bosco rinasce


C’era una volta un bosco dove tutto era bellissimo: i fiori avevano dei colori bellissimi e le foglie degli alberi erano lucide e verdi. Tutto sembrava avere vita perché quando soffiava il vento le foglie e i fiori si muovevano come una danza. Il bosco era abitato da una famiglia di lepri, da cinghiali e da volpi. Avevano una tana sotto un grande albero. Gli animali vivevano bene e non conoscevano la guerra. Un giorno tutto questo fu interrotto da un rumore fortissimo: era un cacciatore che aveva sparato. Il cacciatore aveva scoperto la tana delle lepri. I poveri animali avevano paura e chiesero aiuto al Grande Albero che aveva più di cento anni. continua…

Il boscaiolo che viveva in montagna


Cera una volta un boscaiolo che viveva in montagna in una piccola casetta. Vicino ad essa c’erano due boschi. Un giorno l’uomo decise di andare in entrambi i boschi per tagliare un po’ di legna perché gli era finita. Andò nel primo bosco. Era pieno di rifiuti, gli alberi erano morti e non c’era nemmeno un’ animale. Così andò nell’altro bosco.
Questo era pulito, senza nessun rifiuto, e continua…