Il Re Albero si ammala…

Ci fu un tempo in cui vi era un re, il re Albero e il suo regno era situato nella lontana terra d’Irpinia: questo luogo era famoso per la bellezza dei paesaggi, per il cibo genuino e per la bontà dei suoi abitanti. Il re Albero era un sovrano saggio e rispettoso dell’ambiente, il quale, a sua volta, ricambiava la cortesia donando le sue ricchezze a chi risiedeva in quei posti. Tutti venivano da ogni parte del mondo, affascinati da quell’aria salutare, dai vecchi ai bambini, passando per le donne e gli uomini stranieri. Ma venne un funesto giorno: ebbene si, cari amici, il re era caduto in malattia! Il sovrano di quella magnifica terra era in ginocchio e non si riusciva a capire nemmeno quale fosse la causa di tale malumore: ciò portò scompiglio tra i suoi sudditi i quali erano terrorizzati dall’idea di perdere la migliore e unica guida che avevano, poichè egli non aveva figli e quindi se fosse deceduto sarebbe piombato il caos e il suo arcinemico, Il Signor Inquinatore, avrebbe preso possesso di tutto. Ma qui venne il bello per fortuna: voi vi sareste interrogati su chi avesse potuto salvare la situazione dato che nessuno conosceva la ragione di questa cosa brutta; fortunatamente non tutti i mali vengono per nuocere ed infatti accadde che da una località lontana e misteriosa (pensate che io stesso ho provato a chiederglielo ma non me l’ha voluto dire) giunse un ragazzo dall’aspetto timido, ma di grande intelligenza e acume come si rivelerà in seguito.

Dicevamo, dunque, il ragazzo si chiamava Giovanni e come arrivò notò subito che qualcosa non andava; domandò ai paesani cosa fosse successo ed essi a loro volta gli spiegarono la triste situazione. Allora Giovanni chiese di vedere il re dicendo che aveva studiato in passato l’arte della medicina e voleva provare a guarirlo;quando si presentò al suo cospetto, il ragazzo lo osservò bene: vide che si massaggiava spesso la pancia e allora dedusse che il problema aveva origine dal basso,quindi dalle RADICI! Convocò tutti i medici di corte e disse loro di curare le radici del re Albero con acqua e soprattutto, l’ingrediente fondamentale…tanta,tantissima cura. Passarono 2 settimane e finalmente il risultato si vide: il re era completamente cambiato, era più colorito e le sue foglie avevano ripreso quel verde sfavillante e bello. Fu festa grande tra il popolo e il Signor Inquinatore fu ricacciato per sempre nelle Terre d’Ombra. Giovanni fu acclamato come un eroe e gli fu pure proposta la carica di ministro, ma egli essendo di animo modesto e nobile, rifiutò perchè secondo lui “la cosa più bella che ho fatto per voi è stata quella di aiutarvi a superare le vostre difficoltà e di insegnarvi ad avere meglio cura della natura”.

Fu così che la magica terra d’Irpinia tornò ad essere quel fantastico gioiellino naturalistico che era sempre stata. 

Autore Alessandro Pasquale Petrillo, Mercogliano.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>