Un periodo di serenità e pace in famiglia!


Un augurio di pace a tutti gli amici dell’Albero Vagabondo in particolare ai bambini che hanno scritto le favole dell’Albero e all’unica maestra spassionata che ci ha seguito e sostenuto in questa avventura: Grazia Egidio, insegnante di Santo Stefano del Sole, dove siamo tornati già tre volte, non una di più.


Il 6 gennaio alla Casina del Principe, dopo 4 anni e 5 natali – grazie all’ospitalità del Centro Culturale Camillo Marino all’interno dell’edizione 2011-2012 Terra Fuoco – si terrà l’ultima tappa dell’Albero Vagabondo che finisce dove era iniziato ad Avellino, scendendo dai tetti di Palazzo Iannaccone. Qui, finalmente, lo Spirito del Re Albero lascerà l’Irpinia – magari per vagare un altro po’, in cerca di un posto migliore dove affondare le radici – e ritornare al Re Albero, il faggio centenario che vive vicino all’antica sorgente dei fiumi Sabato, Calore, Sele, nei Monti Picentini. Montagne e sorgenti che, insieme all’amico Ofanto, danno la vita al 35% dei cittadini meridionali. E’ questo il vero patrimonio unesco di Puglia, Basilicata e Campania, le nostre montagne e quindi le sorgenti, da salvaguardare dall’incuria e mancanza di rispetto degli abitanti delle montagne che sono i primi a non avere cura del futuro dei propri figli per pigrizia, accidia e mancanza di volontà, addossando le loro colpe a sovrastrutture, in realtà, espressione solo della loro qualità e cecità: non solo le montagne ad emanare strani odori, ma chi le abita. Dopo tante tappe nei nostri paesini di montagna l’Albero Vagabondo ha capito che non ci sono cattivi e buoni, tra i grandi, ma solo persone inconsapevoli. L’invito è quello di preservare la purezza delle nostre sorgenti, attraverso la tutela e difesa delle nostre montagne. Le sculture torneranno al suo autore Giovanni Spiniello, il suo creatore e all’AGS, presieduta da Virginiano Spiniello. Il viaggio continuerà, magari in un’altra iniziativa che nasconderà i rifiuti agli occhi di chi non vuole accettare i rifiuti che sono dentro di sé, nella propria società, addossando colpe a sovrastrutture a loro volta malate di odio e ignoranza. Ma anche i rifiuti hanno una funzione: far capire all’uomo che la società non è sempre come appare e che l’inizio e la fine di un ciclo sono, semplicemente, il termine di una tappa che porta ad altri percorsi. Il nuovo sito del 2012 ha alla sinistra la documentazione del vecchio progetto no profit e, alla destra, sezioni che si amplieranno e poi confluiranno in un nuovo progetto che avrà l’intenzione di educare i piccini al rispetto della natura perché, chi non rispetta la natura, non rispetta sua madre.
Forse conviene indicare anche l’orario. A partire dalle ore 10:00che ci onora della sua amicizia e dove i bambini faranno l’ultimo girotondo intorno all’Albero Vagabondo che poi ridiventerà una semplice scultura insieme al suo profilo facebook Brigante della Libertà. Auguri di pace, serenità e gioia ai vostri bambini nei quali si rispecchiano le nostre paure e il nostro amore dall’Albero Vagabondo e dal Brigante della Libertà. Difficilmente il Metamorfo si manifesterà di nuovo, ma porta i suoi auguri a tutti i bambini che l’hanno aiutato.
Il primo progetto sganciato del nuovo ciclo è il laboratorio di marketing ecologico tenuto da Virginiano Spiniello presso la Facoltà di Scienze della comunicazione del Suor Orsola Benincasa che giunge, anch’esso, al termine di un ciclo di tre anni, per trasformarsi, successivamente, in un altro progetto che si occuperà di decrescita dolce e armonia tra tradizione e innovazione nella produzione trasformazione e distribuzione degli elementi necessari a realizzare i materiali conservando alla natura le ultime risorse non più rinnovabili.

2 pensieri su “Un periodo di serenità e pace in famiglia!”

  1. Ciao Virginiano. L’associazione che organizza Terrafuoco (edizione 2011-2012 – la Luce al Centro) è il Centro Culturale Camillo Marino – Avellino.
    Forse conviene indicare anche l’orario. A partire dalle ore 10:00
    ciao Auguri
    a presto

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>