Nuj, Mund•verd e Ij

Una stupenda poesia in monteverdese strettissimo, struggente e commovente. Purtroppo l’emigrazione dai nostri paesini dell’interno non è mai finita e adesso restare è ancora più un atto di coraggio e di amore come l’amore di Tonino per la sua terra.

M r • cord angora quir iuorn
accù na valigia vecchia r carton,
nu par r scarp usat e nu cauzon,
a na cammisa mangava nu button.
.

L’ann pass•n ind a nu mumend,
mo chi m ven pur ammend,
chi sapìa si partenn avess
fatt buon oppur malamend.

Lu cor m vattìa a’ mill all’ora,
ngap g•rava fiss nu’ p•nzier,
lassaj la famiglia, l’amic
e stu paes, cum foss a ier.

Quanda cos so’ cambiat,
stu paes é assaj migliurat,
app•cché era tutt sfabbr•cat,
mo’ st cas quas tutt aggiustat.

Sti giuv• n quaccr•un so’ rumast,
nu poch r fatìa ann tru•uat,
ra na part so‘ stat furtunat,
s nò pur lor stu paes avess•n lassat.

Quest nòv g•n•razziun
chi pur stann sturiann,
speriam ca nun s n vann,
s nò stu paes vaj murenn.

Tonin Pagnotta. Poesia e foto

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>