Pianeta terra


Gettando lo sguardo ingenuo
Vagarono l ìride e la mente,
sfiorando colline e piante,
immensi prati verdi fioriti,
fiumi e laghi, mari quasi puliti
oceani profondamente infiniti.



I tuoi vulcani attivi,
il magma incandescente,
col l’eterno movimento
cambiano la tua faccia
spostando i continenti,
la paura insegni alle tue genti.

Il pensier s’arresta,
l’immagine é quasi chiara,
d’obbligo é la domanda:
eri forse tu dunque
una povera palla di fuoco
o chi sà un frantume di stelle ?

Passando millenni e secoli
cambiando spesso pelle,
forse tu dunque non sai
che navighi con le stelle,
girando come una palla,
diventi sempre piu’bella.

Poesia e foto di Monteverde di Tonino Pagnotta

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>